• +39 0303580187
  • info@500miglia.net

4 – Domenica 28 aprile

4 – Domenica 28 aprile

Ultime centinaia di chilometri da macinare per i 125 equipaggi della 500 Miglia Touring che sono partiti alle ore 9 di domenica mattina da piazza Garibaldi, a Forte dei Marmi, non prima però della consegna delle targhe: ad essere premiate come macchine più belle sono state la Fiat – 1100 TV del 1956 (equipaggio numero 9) guidata dal duo Alborghetti Giovanni Paolo e Alborghetti Alessandro e la Fiat 1200 – Trasformabile del 1957 (numero 11) guidata da Forgioli Maurizio e Pavoni Luana.
Il primo tratto di strada ha attraversato Lungomare di Levante, Sarzana, Aulla, Terrarossa, Villafranca in Lunigiana, Filattiera. Poi l’arrivo in piazza Italia, a Pontremoli, per la prova e il riordino. Qui il sindaco Lucia Baracchini ha consegnato dei simboli del museo di Pontremoli a tre equipaggi: al 6 come macchina più meritevole, all’88 come macchina più simpatica e all’equipaggio che è arrivato da più lontano. Un riconoscimento, per aver scelto Pontremoli è stato consegnato anche a Giovanni Riva, patron della 500 Miglia, per aver scelto di passare dalla località con l’auspicio di un ritorno il prossimo anno. Lo staff della 500 Miglia ha infine consegnato delle targhe di riconoscimento al Comune e alla Polizia Locale.
La comitiva è quindi ripartita percorrendo le suggestive curve della Cisa passando per Montelungo, Castellonchio, Piantonia, Fornovo Taro, Noceto, Galvona, Borghetto, Santa Margherita, Cabriolo, Fidenza, Castione dei Marchesi, Busseto, Villanova sull’Arda, Castelvetro Piacentino per poi arrivare a Cremona e a Bordolano dove, nella splendida location di Villa Zaccaria, è stato consumato l’ultimo pranzo.
Quinzano d’Oglio, Dello, Fenili Belasi e Fornaci sono stati gli ultimi paesi attraversati dai 135 equipaggi prima di arrivare in piazza Vittoria a Brescia per tagliare il traguardo ed essere accolte dal pubblico bresciano dove sono state consegnate le targhe di ringraziamento agli sponsor, alla Polizia di Stato e ai componenti della motostaffetta.

admin

Leave a Reply